Premi "Invio" per passare al contenuto

#iorestoinformato

Uno dei maggiori pericoli per il risparmiatore è sé stesso perché la psicologica e l’emotività umana spesso si scontra con le dinamiche dei mercati finanziari.

Alcune ricerche attraverso la finanza comportamentale hanno cercato di dare un valore dell’emotività calcolando il peso di questo fattore occulto.

La presunzione del risparmiatore di entrare e uscire dal mercato nei momenti di salita o discesa dei mercati si sono trasformate in un costo di circa il 3% annuo.

Questo accade perché spesso l’investitore reagisce esageratamente alle notizie sui mercati portandolo a comprare o vendere nei momenti peggiori.

Ci possiamo consolare con il fatto che è dimostrato che la psicologia umana non è stata costruita per affrontare i moderni mercati per la sua difficoltà di adattarsi ai cambiamenti.

Dobbiamo quindi utilizzare metodo e non farci trasportare dalle nostre emotività perché tendiamo a prendere decisioni poco razionali poiché siamo molto più sensibili e scottati dalle perdite di quanto non ci entusiasmiamo per i guadagni.

Questo si traduce nel fatto che ad esempio gli investitori Usa mantengono i fondi di investimento in media per 4 anni che non è sicuramente un tempo sufficiente per parlare di strategie di lungo termine.

Per concludere è chiaro che prevedere il mercato è molto difficile, se non impossibile, e una strategia “buy and hold” compra e mantieni ha due vantaggi:

  • Ridurre i costi di entrata e uscita.
  • Impedire che l’emotività del risparmiatore abbia il sopravvento.

Questa strategia richiede in ogni caso un arco temporale adeguato a produrre i propri effetti.