Premi "Invio" per passare al contenuto

#iorestoinformato

Le azioni rappresentano una porzione del capitale di una società e pertanto quando acquisti un’azione diventi socio dell’azienda.

Le azioni non sono tutte uguali infatti la società può creare categorie di azioni speciali che permettono di ottenere diritti diversi che più avanti vedremo assieme.

Facciamo intanto una distinzione tra azioni e obbligazioni.

Come abbiamo visto ieri chi investe in un’obbligazione diventa creditore della società, chi acquista un’azione diventa socio.

Chi compra un’obbligazione riceverà, a una determinata scadenza, il rimborso del capitale con un piccolo rendimento.

Chi compra un’azione, che ricordo ha un rischio finanziario maggiore o comunque di più difficile determinazione, si confronta con le quotazioni che avvengono in Borsa e quindi il titolo può salire o scendere.

Un’ulteriore differenza tra equity e debt riguarda la loro durata di vita, come avrete già intuito. I titoli azionari, al contrario delle obbligazioni, hanno una scadenza indeterminata.

Esistono diversi tipi di azione e ognuno attribuisce al possessore diversi diritti amministrativi ed economico-patrimoniali.

Vediamo i principali.

Le azioni ordinarie sono quelle comuni, che non attribuiscono a chi le acquista alcun privilegio particolare relativamente alla distribuzione dei dividendi o alla ripartizione dell’attivo in sede di liquidazione.

Le azioni di risparmio sono emesse solo da società quotate in mercati regolamentati e permettono l’acquisizione di privilegi patrimoniali determinati dalla stessa S.p.A. a fronte di minori diritti amministrativi.

Le azioni privilegiate aumentano i diritti economico-patrimoniali. Attribuiscono infatti agli azionisti un diritto di priorità sugli utili distribuiti e/o sul rimborso del capitale in caso di fallimento della società.

Infine, le azioni a voto limitato che limitano il diritto di voto dei titolari nelle assemblee.

Quali sono i vantaggi di investire in azioni?

I vantaggi sono collegati al concetto di crescita, il che significa che se la società va bene, e quindi aumenta la domanda di azioni sul mercato, il prezzo salirà e se tu possiedi un’azione, il valore della tua azione aumenterà nel tempo.

Ci sono aziende, infatti, che nel giro di pochissimi mesi hanno visto il valore delle loro azioni aumentare esponenzialmente, anche del 100% perché la richiesta di azioni è aumentata, una volta dimostrata la solidità del business e il trend di successo dell’azienda. Un esempio è Apple.

Di norma, i dividendi vengono distribuiti quando un’azienda realizza un utile, e possono aumentare di pari passo con i profitti. I dividendi possono essere reinvestiti o distribuiti come reddito.

Sul lungo termine, le azioni tendono a fare meglio di obbligazioni, liquidità e immobili.

Infine i rischi legati alle azioni possono essere ridotti investendo in fondi azionari. Un gestore seleziona una gamma di azioni in modo da ridurre la dipendenza dalla performance di un’unica società.
Inoltre, la scelta delle società in cui investire è demandata alla professionalità e all’esperienza del gestore, il quale selezionerà i titoli per i quali prevede le migliori prospettive.