Premi "Invio" per passare al contenuto

LA SETTIMANA FINANZIARIA IN PILLOLE

I mercati azionari hanno chiuso la scorsa settimana in flessione, condizionati dalle contradditorie notizie sulla possibile conclusione della tregua commerciale.

Alla Cina non sono piaciute le misure di condanna delle proteste di Hong Kong da parte statunitense  in quanto, sono viste come un’intrusione. Interferenza che rende più difficoltoso il colloquio tra le due superpotenze.

Inoltre i dati macroeconomici hanno confermato un trend di debolezza nonostante un lieve miglioramento della componente manifatturiera.

Le obbligazioni governative  terminano con rendimenti in lieve ribasso, in particolare il  decennale statunitense sulla scorta di una maggiore incertezza sulla conclusione dell’accordo sul tema dazi.

Sul mercato valutario il dollaro perde terreno rispetto all’euro chiudendo poco sopra il livello di 1,10 e la sterlina si indebolisce sia contro Euro che contro dollaro USA.

Nelle materie prime, il prezzo del petrolio registra un leggero rialzo sulle aspettative di una estensione dei tagli alla produzione.

In leggera flessione il prezzo dell’oro.